Happy Hour all’Oasi Hotel è sinonimo di Spritz!

Come preparare lo Spritz

Per prima cosa ci teniamo a precisare che tra le tradizioni italiane quella dell’aperitivo è sicuramente una delle nostre preferite!

Ritrovarsi con gli amici per un momento di puro relax sorseggiando il cocktail o il calice di vino preferito mentre si assaggiano deliziosi stuzzichini è semplicemente qualcosa di molto bello.

Accanto ai numerosi bar alla moda a Levanto, i nostri ospiti possono sempre fodere dell’Happy Hour quotidiano all’Oasi Hotel, ogni pomeriggio dalle 17:00 alle 19:00.

Serviamo birre, vini delle Cinque Terre e cocktail, ma il più richiesto è sicuramente lo Spritz!

Cos’è lo Spritz

La tradizione dello Spritz è iniziata quando i soldati austriaci mobilitati nella Repubblica di Venezia iniziarono a diluire l’alto contenuto alcolico del vino locale con del seltz o dell’acqua frizzante. Anche il nome è tedesco: spritzen significa spruzzare.

L’attuale Spritz è nato negli anni Venti nella stessa regione, semplicemente con l’aggiunta di un po’ di Aperol. È ormai famoso in tutta Italia e ovviamente tra i nostri visitatori 🙂

Come preparare lo Spritz

Lo Spritz va servito in un bicchiere rock oppure in un grande calice da vino. Si prepara con un vino bianco frizzante (di solito Prosecco), Aperol (o Campari, Cynar, Select, China Martini) e una spruzzata di acqua frizzante o seltz.

Mettere molti cubetti di ghiaccio e mezza fetta di arancia nel bicchiere. Versare il Prosecco, aggiungere la soda e infine l’Aperol, versandolo in un movimento circolare per evitare che si depositi sul fondo.

La ricetta dello Spritz veneziano:

1/3 di vino bianco frizzante
1/3 di bitter
1/3 di acqua frizzante

Se visitate il bellissimo Alto Adige ricordate che lì Spritz indica ancora la bevanda originale austriaca, mentre la ricetta corrente si chiama veneziano.

Buon aperitivo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: